Desertificazione

La desertificazione descrive un problema globale che colpisce e mette a rischio il terreno.  E’ il degrado della terra e della vegetazione, l’erosione e la perdita di terra fertile.  La Convenzione delle Nazioni Unite per Combattere la Desertificazione la definisce come degradazione della terra   in aree  aride, semi-aride e sotto umide che viene provocata  da diversi fattori che comprendono le variazioni climatiche e le attività umane” (UNCCD Art.1.a).

Il prof. Uwe Holtz dell’Università di Bonn fa notare che è sbagliato associare la desertificazione ai deserti che già esistono. Si tratta piuttosto di un processo in cui l’eccesso di sfruttamento, l’eccesso di pascolo, il taglio del legname, illegale ed eccessivo, le coltivazioni meccanizzate, le cattive abitudini irrigative, gli incendi delle foreste e la deforestazione influenzano il processo della degradazione della terra.  La desertificazione è un fenomeno presente su scala mondiale e riguarda circa il 40 %  della superficie asciutta della terra. Questo tema ha cominciato ad avere preminenza negli anni intorno al 1930 quando parte delle Grandi Pianure degli Stati Uniti  divennero quello era conosciuto come un “Dust Bowl” ( Scodella di polvere)  provocato dalla siccità e da modalità di coltivazione non adeguate. Oggi più di un miliardo di persone in più di 100 paesi sono direttamente o  colpite dalla desertificazione o a rischio desertificazione. Ogni anno si perde per desertificazione una superficie più grande del Belgio o del Ruanda.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), quale base per il concetto del “ rischio desertificazione” utilizza i criteri stabiliti alla Conferenza di Nairobi del 1977, calcolati misurando la vulnerabilità della terra in combinazione con le pressioni demografica e agricolturale odierne e future. Il clima ha una maggiore influenza sulla desertificazione tramite tre fattori – piogge, radiazione solare e vento – i quali , tutti, influenzano i fenomeni di erosione meccanica e fisica e il degrado chimico e biologico .

Gli alberi, a causa della loro longevità e dei potenti sistemi di radici, sono la prima risorsa e protezione contro il degrado del suolo. La loro mancanza, troppo spessa causata dall’azione dell’uomo, è un handicap molto serio. L’attività umana è il fattore più importante che faccia scattare il processo di desertificazione su un terreno vulnerabile. Gli effetti della desertificazione sono molto seri e spesso drammatici per le popolazioni povere dei paesi in via di sviluppo. La desertificazione rende più drammatici gli effetti dei disastri climatici (siccità ) e politici (guerre) portando con regolarità sofferenza e morte a centinaia di migliaia di persone nel mondo.

Guarda “Desertification

Guarda “land degradation

Guarda “arid

Guarda “semi-arid

Guarda “sub-humid

Guarda  www.unccd.int/parliament/data/bginfo/PDUNCCD(eng)pdf .

Guarda  www.fao.org/docrep/v0265e/v0265e01.htm .

scritto da fra Fabio L’amour ofm

Advertisements
No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: