I Cambiamenti Climatici: una minaccia per noi tutti

Il clima sta cambiando. Ci sono solide prove scientifiche che mostrano come il cambiamento è in larga parte causato dall’attività umana, e che il cambiamento comporterà, nelle decadi a venire, molti effetti, potenziali ed effettivi che saranno disastrosi.  Le emissioni ad effetto serra delle automobili, degli impianti industriali e di altre sorgenti create dall’uomo – piuttosto che variazioni naturali nel clima – ne sono la causa primaria.

Dovuta soprattutto alla combustione di carburanti fossili, le concentrazioni nell’atmosfera di biossido di carbonio (CO2) il principale gas ad effetto serra, hanno raggiunto un livello ineguagliato da più di 400.000 anni. Quale risultato, questo aumento dell’effetto serra trattiene molto più calore dal sole in prossimità della superficie terrestre e gradualmente spinge il sistema climatico del pianeta in un territorio inesplorato.

La CO2 e gli altri gas ad effetto serra sono stati da sempre presenti nell’atmosfera, rendendo la terra ospitale per la vita e trattenendo il calore, Tuttavia dalla rivoluzione industriale in poi, le emissioni di questi gas originati dall’attività umana si sono progressivamente accumulati trattenendo il calore ed amplificando l’effetto serra naturale.

Quale risultato, le temperature medie globali sono aumentate sia sulla terraferma che negli oceani, con un impatto rilevabile che predice sempre più drastici cambiamenti nel prossimo futuro. Il ghiaccio delle calotte polari si sta sciogliendo. I ghiacciai nel mondo si stanno ritirando. Gli uragani stanno aumentando di intensità. Gli ecosistemi del mondo stanno reagendo, mentre specie di piante ed animali lottano per adattarsi al cambiamento del clima e stanno emergendo nuove minacce legate al clima.

Le previsioni più recenti emesse dal Pannello Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (in stampa nel 2012), un ente scientifico che raccoglie le ricerche fatte in questo campo, informa di un significativo aumento del rischio, in molte parti del mondo, di eventi climatici estremi, quali ad esempio temperature estreme e livelli di pioggia altrettanto estremi e tutto ciò è dovuto alle emissioni di gas ad effetto serra. Questi effetti sono divenuti più comuni a partire dagli anni 1950 ed è prevedibile che questi eventi, includendo uragani e inondazioni, saranno ancora più frequenti negli anni a venire. L’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) ha emesso un rapporto simile, avvisando che il mondo ha cinque anni di tempo prima che possano avvenire cambiamenti climatici irreversibili.

Nel mondo sviluppato questi cambiamenti causeranno soprattutto danni economici, anche se si perderanno delle vite. I popoli dei paesi in via di sviluppo tuttavia, soffriranno molto di più a causa della loro più elevata vulnerabilità . Siccità e inondazioni impatteranno sulla sicurezza alimentare in modo significativo e di conseguenza causeranno l’allargamento della diffusione di malattie. I cambiamenti climatici globalmente colpiranno tutti ma le intensità e le conseguenze dipendono dalla capacità di cavarsela in caso di eventi estremi e questa capacità è maggiore nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Una nota positiva è quella del Programma Ambientale delle NU (UNEP) che ritiene economicamente possibile ottenere la riduzione delle emissioni di gas serra entro il 2020.

See International Energy Agency Report 2012

See UNDP Report, “Bridging the Emissions Gap” (2011)

scritto da Bernd Beermann ofm cap

Advertisements
No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

%d bloggers like this: